1. I vantaggi dell’auto elettrica

Quando si decide di cambiare macchina, ci sono una serie di paramenti che si vanno a guardare: quanto costa? Il bagagliaio è spazioso? Consuma tanto? Ha tutti gli optional che mi servono? Ha la radio Bluetooth? I cerchi in lega? Posso pagarla tramite finanziamento? 
E poi, chiaramente, anche l’occhio vuole la sua parte!

Quando invece si decide di cambiare addirittura tecnologia, le domande e i dubbi aumentano a dismisura.
La prima cosa da fare è cercare di capire quali sono i potenziali vantaggi.
Qui di seguito ho cercato di riassumere e spiegare alcuni di quelli che sono i punti di forza dell’auto elettrica oggi.

COSTI
Come si può vedere più in dettaglio qui, le auto elettriche permettono di risparmiare molto sul consumo dei carburanti: i costi scendono fino a un quarto rispetto alla benzina, per esempio.
C’è inoltre la possibilità di recuperare energia quanto la vettura rallenta, grazie alla frenata rigenerativa, così le batterie della macchina si ricaricano ed è un po’ come se il pieno durasse qualche decina di km in più. 

Funziona un po’ come la dinamo delle biciclette: quando freniamo produciamo energia elettrica che viene immagazzinata nelle batterie, prolungando di conseguenza l’autonomia della macchina.
Questo effetto si nota molto in città, dove il traffico costringe a piccole accelerazioni così come a piccole e costanti frenate. La batteria non viene sottoposta a stress, viene ricaricata spesso, e l’autonomia ne guadagna. L’estremo opposto è viaggiare in autostrada, attingendo elettricità dalla batteria costantemente, senza mai ricaricarla durante la marcia.

MANUTENZIONE
I motori elettrici sono composti da poche parti e sono più facili da aggiustare, mentre i motori tradizionali sono composti da diverse centinaia se non addirittura migliaia di componenti. Solo dal punto di vista statistico, quindi, ci sono molte più probabilità di guasto o rottura in un motore a combustione rispetto a uno elettrico.  

Le componenti, inoltre, sono molto meno sottoposte a usura e sfregamenti: basti pensare che non sono presenti pistoni, bielle, cilindri e valvole, che con il loro movimento (sono migliaia di giri al minuto) sono continuamente sollecitate e, con l’attrito e con il passare degli anni, si usurano e vanno sottoposti a controlli costanti. 
Ci sono poi una serie di altri componenti che non sono presenti nelle auto elettriche e che non devono essere controllati, riparati o sostituiti: frizione, candele, motorino di avviamento, marmitta, radiatore, 

AREE ZTL E STRISCE BLU
Le auto elettriche non inquinano e quindi non sono soggette a zone a traffico limitato, targhe alterne, Area C, Area B, giorni di blocco del traffico.
Molte città d’Italia, inoltre, consentono di parcheggiare gratuitamente nei parcheggi a pagamento (quelli con le strisce blu), così da avere una sosta senza pensieri.

DIVERTIMENTO
L’automobile elettrica è divertente? La risposta è , senza se e senza ma!
Le auto elettriche offrono la coppia massima fin da subito, con accelerazioni partendo da fermi degne delle più famose supercar.

Per dare l’idea, non è così difficile con una piccola vettura elettrica “bruciare” al semaforo automobili decisamente più “cattive”.
Ci sono macchine (guarda qui) che accelerano da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi e sprigionano una potenza di 400 Cv.

ECOLOGIA E SILENZIOSITA’
I veicoli elettrici sono l’esempio ideale di mobilità sostenibile, perchè non inquinano e non producono emissioni di CO₂.
A tutto questo si aggiunge il piacere di poter guidare in un ambiente completamente silenzioso, con meno stress e sollecitazioni.